Alleanza tra Associazioni per promuovere la concreta attuazione dei diritti delle persone non autosufficienti

PERSONE MALATE CRONICHE E CON DISABILITÀ NON AUTOSUFFICIENTI DI QUALSIASI ETÀ- lunedì 6 novembre 2023

Conversazione su esigenze di cura e diritto alla salute

Programma e presentazione dell’incontro

Positiva partecipazione di pubblico all’incontro “Persone malate croniche e con disabilità non autosufficienti di qualsiasi età”, tenutosi ieri 6  novembre presso la sala consiliare della
Provincia di Perugia.
L’incontro è stato promosso dall’Associazione Umana OdV, dalla rete umbra A.D.N.A. e dal Coordinamento per il diritto alla sanità per le persone anziane malate e non autosufficienti, con la collaborazione di Cesvol Umbria.
Si è svolto in forma di conversazione con la partecipazione di rappresentanti delle istituzioni e di persone esperte di medicina e diritto.
Hanno portato la loro testimonianza alcuni familiari umbri di malati cronici non autosufficienti curati a casa, che hanno richiamato all’attenzione dei decisori politici le enormi difficoltà delle famiglie sempre più spesso costrette a sopperire a mancanze della Sanità.
Il dibattito ha confermato la necessità dei provvedimenti urgenti più volte reclamati dalla rete A.D.N.A. con richieste alle Istituzioni regionali perché la Sanità garantisca il diritto alle cure di lunga durata (domiciliari, semi-residenziali e residenziali) previsto dalla normativa nazionale LEA.
Sono intervenuti:
 Francesco Zaffini, presidente della Commissione igiene e sanità del Senato
 Tommaso Bori, vice presidente della Commissione sanità e servizi sociali dell’Assemblea legislativa della Regione Umbria
 Edi Cicchi, assessore ai Servizi sociali del Comune di Perugia e presidente della Commissione permanente welfare dell’ANCI
 Tiziano Scarponi, medico di Medicina generale e vice presidente dell’OMCeO di Perugia
 Alessandra Pioggia, professoressa di Diritto amministrativo nell’Università di Perugia
Erano presenti Moreno Landrini, Vice-presidente della Provincia e Giancarlo Billi, Presidente di Cesvol Umbria.
Elena Brugnone, presidente dell’Associazione Umana OdV e portavoce delle associazioni della rete umbra A.D.N.A., ha presentato motivi e finalità dell’iniziativa.
L’incontro è stato coordinato da Luca Ferrucci, professore dell’Università di Perugia.
Dall’incontro sono emersi alcuni segnali positivi da parte dei rappresentanti delle Istituzioni presenti.
In particolare, il Senatore Francesco Zaffini ha parlato di lavori parlamentari avviati per strutturare e potenziare l’assistenza domiciliare integrata e promuovere un modello regionale per le cure domiciliari, che in Umbria manca.
Il Consigliere regionale Tommaso Bori ha riconosciuto l’importanza che le cure siano garantite per il diritto alla salute di ogni persona come previsto dall’articolo 32 della
Costituzione, e che va scongiurato il pericolo di applicazione dell’articolo 38 della Costituzione per valutare dei malati come “casi sociali”.
Elena Brugnone ha precisato che è pericoloso l’utilizzo del filtro della valutazione dell’ISEE per limitare l’accesso alle cure di lunga durata solamente a una parte di non autosufficienti per malattie croniche o gravi disabilità; così facendo rimane aperto il problema delle liste di attesa per le prestazioni socio-sanitarie LEA domiciliari (comprensive di contributi economici), semi-residenziali e
residenziali, nonostante le leggi dello Stato prevedano che la Sanità regionale debba garantire questo diritto.

Alla luce di questi rilievi prosegue l’impegno di A.D.N.A. per ottenere che venga garantita un’adeguata presa in carico da parte dell’ASL competente per la continuità delle
cure a tutela di ogni persona malata cronica non autosufficiente, senza escluderne nessuna.